menu
registrati abbonati
beTales

La Martina conquista Harvard

Lando Simonetti, fondatore e presidente di La Martina, ospite dell’Università di Harvard con un case history della sua azienda

di Redazione
28 febbraio 2015
image_pdfimage_print

Harvard University, Cambridge, Massachusetts. Lando Simonetti, fondatore e presidente di La Martina, è stato accolto da un gruppo di studenti di diverse discipline che hanno analizzato la sua azienda da cima a fondo: i numeri, le campagne, i dipendenti e la gestione.

In occasione dei trent’anni di La Martina, un’occasione speciale per raccontare una storia fatta di successi, celebrata con l’apertura del nuovo flagship-store di St. James’s a Londra e l’incontro con una delle università più prestigiose al mondo, ripresa dall’intervista di Apertura.com in cui Lando Simonetti si racconta.

Come è stato possibile collocarsi nel mercato altamente competitivo dell’abbigliamento in Italia?

È vero, l’Italia è un mercato altamente competitivo. Come entrare? Devi avere qualcosa che nessun altro abbia. Abbiamo iniziato con la maglia per il world polo championship e l’abbiamo proposta ai migliori retailer italiani che lentamente l’hanno acquistata. Una volta in vetrina sono iniziate le vendite e così è cominciato tutto. E’ stata una cosa unica.

Come vivete la concorrenza come Lacoste e Polo Ralph Lauren?

Noi abbiamo concorrenza diretta (c’è da dire che prima di tutto produciamo stivali, selle, ecc. e in quel settore abbiamo un certo tipo di concorrenza). Poi ci sono competitors come Lacoste o Polo Ralph Lauren ma non solo. Prima il cliente spendeva, ad esempio, il 30% percento in abbigliamento; oggi la tecnologia ha raggiunto il 10% delle spese.

Come descriveresti gli studenti che hanno analizzato il caso di La Martina?

Mi hanno sorpreso con la loro grande curiosità. Il grande uomo d’affari è molto curioso.

Lei che cosa gli ha detto?

Signori, è stato un onore essere qui, abbiamo compiuto 30 anni. È come vincere l’Oscar. Dopo aver combattuto in un paese che non è un punto di riferimento, un simile traguardo è come vincere l’Oscar. Sono stati 30 anni sofferti, perché questo paese e il mondo non sono facili.

Lando Simonetti ha così descritto lo scenario nel quale si trova La Martina. “Da una parte c’è il Vecchio Mondo dall’altra il Nuovo Mondo. Il Vecchio Mondo in cui è nata La Martina con tutte le difficoltà del caso. Oggi la tecnologia, le digitalizzazioni, i grandi dati e le grandi aziende che stanno dietro, hanno cambiato il modo di fare business. E qui agli studenti, parlando di social media, manca la pratica per approfondire il tema. Ci sono presentazioni teoriche che non tengono conto del flusso monetario”.

www.lamartina.com

Continua
CONDIVIDI : Facebook Twitter Google Plus Pinterest PDF Print

beSuggested